Difesa

0

OLTREMARINI DETTI “SCHIAVONI” L’UNIFORME. La sua riproduzione.

C’è POCO DA AGGIUNGERE all’illustrazione che riprende fedelmente una stampa conservata all’archivio di stato di Venezia. Eppure in questo ventennio ho visto di tutto, indossato da schiavoni imbarazzanti con alamari improbabili e berrettoni somiglianti a vasi da fiori rovesciati, con...

0

IL BISANTE, LA MONETA CONIATA DA BRAGADIN

Nel corso dell’assedio, Marcantonio Bragadin avendo esaurito tutte le disponibilita’ finanziarie fece battere delle monete di rame:“ Secondo questa testimonianza del Riccoboni, storico contemporaneo all’assedio di Famagosta, vennero quindi battute monete “con lavoro incessante giorno e notte” e di due...

0

SOLDATI MUSULMANI AL SERVIZIO DI SAN MARCO

La repubblica marciana fu governata da una aristocrazia particolare, mercantile, e quindi mossa anche da una visione utilitaristica, ma pure sempre al servizio di ideali forti e principi a cui si doveva e poteva sacrificare la propria vita. La fine...

2

CHE TRISTEZZA QUELLA PROTESTA CONTRO IL LEONE DELLA ROTATORIA

CHE TRISTEZZA, QUESTA PROTESTA. Denota una ignoranza abissale della storia della sua terra, da cui sembra le siano state recise le radici, cara Franca Fossà… Ricordo una foto del 1886 di piazza delle Erbe a Verona, scattata il giorno 25...

0

IL VECCHIO CIPPO MARCIANO, TORNERA’ COL VENETO REAL

Il vecchio cippo confinario tornerà al suo posto, sia pure in copia, scortato con amore e rispetto dai militi storici del Veneto Real, il primo reggimento di fanteria che fu creato da Francesco Morosini il Peloponnesiaco. Riporto sotto l’articolo. Il...

0

LA BATTAGLIA DI COSTABISSARA DETTA DE “LA MOTTA”

Fabula Docet si trova qui: Costabissara. La battaglia della Motta 7 ottobre 1513 Il 7 ottobre per la Serenissima è quello che è il 9 novembre per la Germania: nel 1571 è la data di Lepanto, il 7 ottobre 1515 muore D’...

0

IL”carabiniero” veneto i i panduri austriaci

  Il dipinto che vedete riproduce la divisa di un fiero “carabiniero” veneto-dalmata. Autore è il Gravembroch che ci ha lasciato una serie di acquerelli dedicati a personaggi e figure tipiche della Venezia di metà 700. L’intera sua opera è...

0

CORFU’: A CACCIA DEI FANTASMI DI VENEZIA. Di Paolo Rumiz.

Sbarchi e cambia tutto. Cicale, fichi, lenzuola al vento, tintinnar di stoviglie. L’adrenalina albanese e il nervosismo italo-croato spariscono, tutto diventa accomodante, la gente passeggia sentendosi a suo agio. I vecchi sono vecchi, i bambini bambini, ciascuno si prende il...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com