Padova

IL SENSO DEL DOVERE 0

IL SENSO DEL DOVERE

Tra i più grandi ambasciatori che ha avuto la Repubblica di Venezia, in un momento storico molto delicato, troviamo Giovanni Correr (1533/83): figlio di Angelo Correr quest’ultimo godeva di una eccellente reputazione nell’ambito dell’Amministrazione veneziana e ostentava anche il carico...

0

LA GUERRA DELL’ACQUA, TRA PADOVA E VICENZA. PRIMA DI DIVENTARE UNA NAZIONE.

Il titolo suggerisce la riflessione inevitabile, dopo aver letto il brano molto interessante riportato dall’amica Todesco. Grazie alla dedizione a Venezia, tutto il Triveneto seppe ricostruire la propria identità unitaria: non più un assemblaggio di Comuni rissosi (come era per...

0

IL MARTIRIO VENETO SOTTO IL REGNO D’ITALIA NAPOLEONICO, TASSE E GHIGLIOTTINA.

NEL 1809 inizia la rivolta delle province venete causata dalla politica di rapina napoleonica, atta ad alimentare con tasse esose e leva forzata, le guerre che la Francia doveva sostenere in Europa. Riporto un brano del vecchio articolo di Andrea...

0

GAMBARARE E LA MADONNA DEI CAVALLI, FESTA DI ORIGINE PALEO VENETA?

Quanto leggerete è indubbiamente un pezzo di straordinario interesse: perché ritengo molto verosimile l’ipotesi della ricercatrice (con le carte in regola dal lato della preparazione scientifica e intellettuale) che collega questa festa ai riti dei Veneti antichi di epoca precristiana...

0

L’UNIVERSITA’ DI PADOVA, AI TEMPI DI VENEZIA. I DOCENTI E LA LIBERA CONCORRENZA

Scorrendo le righe di questo intervento di Distefano, è stato come fare un tuffo nella mia adolescenza. Infatti molti degli insigni studiosi nominati, oggi sopravvivono nella memoria dei padovani (meritatamente) perché essi, insigni docenti e ricercatori dell’università di un tempo,...

0

I MESTIERI ANTICHI DEI PADOVANI, E LA DEMOCRAZIA DIRETTA.

Attraverso le ‘fraglie’, le associazioni di categoria, a Padova come in tutto il Nord, si era abituati ad esercitare un controllo sul potere politico. I suoi rappresentanti, liberamente eletti, affiancavano i maggiorenti nel governo della città. E Padova, non diversamente...