LE CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DELLA TERRAFERMA VENETA SOTTO SAN MARCO

Di Ivone Cacciavillani. "Lo stato da terra della Serenissima".

1459_Mappe1015LA PADOVANA per la qualità dei terreni e la natura del clima abbonda in fatto di biade, quanto scarseggia di altri prodotti, mentre so mantiene per secoli fiorente la produzione della seta, che finì per supplire alla deficiente, ma pur sempre attiva, produzione della lana.

Il Polesine produce in abbondanza frumento e granaglie, non esclusa l’estensione del pascolo per l’incremento produttivo della zootecnia, particolarmente abbondante è la produzione del grano, la quale fa sì che il prezzo interno .. sia inferiore a quello che è il prezzo dei luoghi vicini, causa non ultima del contrabbando di biade con lo stato ferrarese. Continua a leggere

VESTIRSI ALLA VENETA, FINO A 2000 ANNI FA, E ANCHE OLTRE.

Di Milo Boz, Veneto

downloadIl loro abbigliamento era assai curato e, per vari aspetti , originale e distinto sia rispetto allo abbigliamento in uso presso le popolazioni celtiche confinanti, sia a quello proprio dei Latini.
Le immagini più numerose ci mostrano soprattutto i personaggi importanti, i ricchi, i capi, i sacerdoti.
Essi sono abbigliati con un ampio mantello, ricco nella tessitura.
Portano sul capo un gran cappello, dalla tesa larga e rialzata sui bordi.
Il capo vestiario più originale dello abbigliamento femminile, era l’ampio e pesante scialle, una mantellina che scendeva fino alla schiena.
Continua a leggere

PEZZO DOPO PEZZO, SI RICOMPOSE “L’ANGOLO DEI VENETI”

DEDIZIONE DEI TERRITORI DELLO STATO VENETO, DATE
Motta di Livenza, nel 1289;
Treviso, nel 1339;
27935_10200261069520077_1480488037_nVicenza, il 28 aprile 1404;
Cologna Veneta, il 7 maggio 1404; Continua a leggere

UNA DONNA ARTISTA VENETA DELL’EPOCA BAROCCA

di Simonetta Dondi dall'Orologio

MELCHIODIDi Elisabetta Marchioni a differenza di altre pittrici, si conoscono con sicurezza moltissime opere, ma non si hanno notizie della sua vita, almeno a livello di testi ufficiali.

Appartiene al periodo Barocco ed è pittrice di “nature morte”.

Sappiamo che è nata e vissuta a Rovigo, in un periodo in cui la città è sotto il dominio della Repubblica di Venezia, dalla fine del ‘600 agli inizi del ‘700.

La troviamo attiva esclusivamente nella città natale. Continua a leggere