Stato da Mar

4

Il leone di Lissa “prigioniero” a Livorno

“Rispolveriamo oggi questo vecchio articolo del mai troppo compianto Millo Bozzolan” Il  monumento di Lissa eretto dagli austroungarici in onore dei caduti (molti erano i veneti e dalmato veneti), oggi è “prigioniero” della marina italiana in un cortile interno della...

0

un altro luogo comune

di Theusk Un altro luogo comune della storiografia corrente è quello che vuole i veneziani, ai quali l’accordo con i Franchi riconosceva una parte delle spoliazioni del sacco di Costantinopoli, (in realtà, agendo da creditori), facessero la parte del leone;...

0

le piere sbuse

Uno dei maggiori misteri irrisolti di Venezia è quello delle pietre bucate (piere sbuse in lingua veneta) che sporgono dai muri esterni di alcuni palazzi del ‘200 e ‘300. Nessuno sa in realtà con certezza a cosa servissero dato che...

0

I Bragadin

di Antonella Todesco La famiglia Bragadin, venuta da Veglia in Dalmazia nell’800 dC, fu una di quelle che composero la prima nobiltà Patrizia veneziana, originariamente si chiamava Barbalin, ma nell’890 mutó arma e cognome. I Bragadin possono vantarsi di aver...

0

I marrani

Attorno alla metà del ‘500 subentró un nuovo elemento importante per i rapporti tra Venezia e gli Ebrei: i cosiddetti “marrani”. Essi provenivano dalla Spagna accusati di essersi fatti cristiani, ma di essere rimasti segretamente ebrei, ebbero quindi dagli spagnoli...

0

L’arsenale di Corfù – Prima parte

di Dan Morel Danilovičh. I Veneziani, si sono sempre considerati l’ombelico del mondo tanto da fagli dire in più occasioni che al nord vi erano gli alemanni, a est gli slavi, a ovest gli spagnoli e a sud gli arabi....

0

I Bresciani alla guerra di Cipro

di Gualtiero Scapini Flangini. Nel marzo 1570 tutti i domini veneti furono percorsi dall’allarme per i preparativi di guerra degli Ottomani e, prima ancora che fosse definitivamente stipulata l’alleanza con lo Sato Pontificio e la Spagna caldeggiata da papa Pio...