LA LEGGENDA NERA VENEZIA “DISTRUGGITRICE DI CASTELLI” NEL BELLUNESE.

castello di Pieve di Cadore

castello di Pieve di Cadore

Si sa che se a scriver la storia di una Nazione sconfitta è chi ha sposato i princìpi dell’Attila che la distrusse, mal che vada di verità ne resta ben poca, specie a livello popolare. E non è che le cose cambino più di tanto, nell’epoca del wi-fi e della connessione veloce, magari si impiega lo smart phone per dar al caccia ai pokemon, invece che leggere note come le mie o (sarebbe molto meglio) qualche pagina di grandi divulgatori storici, come Alvise Zorzi, Frederic C. Lane e tanti altri.

3076028

castello di Botestagno

Ad Esempio, nel bellunese è convinzione diffusa che Venezia “rubasse la legna” (sic) per usi propri spogliando i boschi. E’ provato storicamente il contrario, invece. il bosco del Cansiglio è un testimone eloquente. Regole severe per un taglio che fu sempre selettivo, e dove i boschi erano di proprietà delle comunità locali, la legna veniva venduta dalle stesse, come anche la pece ricavata incidendo la corteccia degli abeti (pez, chiamati appunto così in dialetto perché fornivano la preziosa ambra).WIN_20160805_17_42_52_Pro

Altro rimprovero riguarda la demolizione di bellissimi castelli: e questo ha qualche fondamento. Solo che i castelli erano quelli dei feudatari, i quali, fino all’arrivo di San Marco, avevano tiranneggiato il popolo più umile, che vide in Venezia una difesa contro le prepotenze dei signorotti locali.

Comunque, la leggenda nera ha riguardato anche i due castelli del Cadore che compaiono nello stemma araldico della comunità. uniti da una catena. Quello di Pieve del Cadore e quello di Botestagno. Almeno per il primo, la fortezza era presente, sia pure trascurata per mancanza di mezzi, con i suoi cannoni fino al 1797; fu poi demolita dagli austriaci e le pietre riciclate per la costruzione della chiesa locale. Nel 1882 l’esercito italiano “sparecchiò” il resto perla costruzione delle fortificazioni.

L’altro castello, il Botestagno, fu messo all’asta dal governo bavarese nel 1808 e venne poi demolito parzialmente per usarne i materiali; nel 1867 il governo austriaco ordinò la demolizione dei resti. Fonte: breve storia del Cadore, di Giovanni Fabbiani edito dalla Magnifica Comunità Del Cadore

Venezia e i battipali “bricola”, i “vieri” da pesca, la “palina”

da Venezia a tavola

11224626_931493103592221_1913596118979809590_nVenezia nobile e ricca, meraviglia venuta dall’ingegno di architetti, grandi artisti, abili mercanti? Sì, certo. Ma pensiamoci, la nostra città è soprattutto figlia della fatica di umili persone: i “battipali”.

Proprio così: come tutti sanno il palo, la “bricola”, i “vieri” da pesca, la “palina”, sono da sempre l’elemento determinante del paesaggio lagunare, dell’urbanistica e dell’edilizia veneziana. Il Ponte di Rialto sta in piedi perché lì sotto ci sono 12.000 pali di olmo, piantati a mano! Come dice lo scrittore Tiziano Scarpa nel suo “Venezia è un pesce”, quando cammini qui: stai passeggiando sopra un incredibile bosco alla rovescia.

Sì, proprio una foresta alla rovescia, i cui alberi nel tempo, in assenza di ossigeno, sono diventati pietre sulle quali poggia una intera città! I “battipali” meritano sicuramente la nostra memoria, un piccolo omaggio a questi uomini consumati dalla fatica che, con il loro sacrificio, hanno reso possibile lo stupore del mondo intero davanti alla bellezza di Venezia.

“O issa eh
e issalo in alto oh
e in alto bene eh
poiché conviene oh

lo feniremo eh
ma col santo aiuto oh
viva San Marco eh
repubblicano oh”

(da “Canto di lavoro dei battipali”. Ne esistono versioni diverse, ma quello che conta è il “ritmo”, perché il suo scopo era aiutare l’alzata con le braccia e la successiva caduta del maglio sulla cima del palo. – La foto è di arzana org)

I LUOGHI DELLA MASSONERIA VENEZIANA

DSCN8665
di William Facchinetti Kerdudo
foto di William Facchinetti Kerdudo
Nel tipico percorso turistico che dalla stazione di Santa Lucia conduce a Rialto, troppo indaffarati a guardare le vetrine dei numerosi negozi od intenti ad immortalare una gondola di passaggio nei canali, il piccolo campo della Maddalena con l’omonima chiesa passa quasi sempre in secondo piano.
Uno sguardo fugace alla chiesa e poi via, mentre, se ci si soffermasse un istante ad osservarne la facciata, si rimarrebbe invece notevolmente sorpresi.
Dedicata a Maria Maddalena per celebrare, proprio nel giorno dedicato alla santa, lo storico trattato di pace tra Genova e Venezia del 1356, la chiesa originaria del XIII secolo, fu rimaneggiata più volte. L’attuale aspetto risale alla fine del XVIII secolo su disegno a base circolare dell’architetto Tommaso Temanza. La chiesa era in passato arricchita da un campanile che fu abbattuto nel 1888 perché pericolante.

L’elemento certamente più interessante si trova sopra il portone d’ingresso. Vi è una raffigurazione di un occhio circoscritto da un triangolo. Si tratta di un simbolo cristiano dove l’occhio rappresenta la Divina Provvidenza ed i tre lati equilateri del triangolo la triade composta dal Padre, dal figlio e dallo Spirito Santo. Interessante però far notare che si tratti di un retaggio dell’antico Egitto tramutato in significato cristiano: infatti l’occhio centrale originario era quello del dio sole Ra mentre la triade osirica del triangolo era costituita da Osiride, Horus ed Iside.

DSCN8666
Questo tipo di rappresentazione, è utilizzata anche dalla massoneria. In questo caso abbiamo due significati diversi: Passato, Presente e Futuro (se si disegnano solo i tre punti che costituiscono i vertici del triangolo); l’Eternità se il triangolo è completo di lati.

Questo dettaglio non basterebbe certamente ad ipotizzare congetture sulla matrice massonica ed esoterica della chiesa. Gli indizi che supportano questa tesi sono altri. Sempre sul frontone della chiesa si legge la scritta latina:

SAPIENTA AEDIFICAVIT SIBI DOMUM

La traduzione in italiano sarebbe: “La saggezza si è edificata”
Come si può notare, non c’è nessun richiamo religioso ed è una frase sicuramente atipica per una chiesa. Anche la pianta circolare voluta da Tommaso Temanza insieme ad un unico altare centrale (fatto sostituire successivamente da due altari) potevano far ricondurre a concetti massonici.
La prova comunque più evidente si trova sulla pavimentazione dell’edificio sacro. La lastra tombale di Temanza, oltre a ricordare il 1789 come data della sua morte, reca tre noti ed indiscussi simboli di appartenenza massonica: la squadra, il righello ed il compasso incrociati tra loro.

Altri luoghi della Massoneria veneziana, nel seguito dell’articolo:

PADOVA, le possenti mura cinquecentesche erette da Venezia dopo la guerra di Cambrai.

le mura di Padova costruitenuovamente dopo la guerra di Cambrai che aveva visto gli imperiali conquistare la città.

le mura di Padova costruitenuovamente dopo la guerra di Cambrai che aveva visto gli imperiali conquistare la città.

Gavevimo tuti contro, i stati taliani più Massimiliano d’Austria che ne ga invaso. e el ga assedià Padova. xe sta el momento più dificile par el stato veneto. el papa li gaveva sustegà contro Venessia, par via che ghe insidiavimo i so teritori.

La Lega di Cambrai fu una lega contro la Repubblica di Venezia formata il 10 dicembre 1508 sotto la guida di Papa Giulio II e scioltasi nel 1510 per la defezione dello stesso pontefice.
L’alleanza
Ad essa aderirono, oltre al pontefice, Luigi XII di Francia, Massimiliano I del Sacro Romano Impero, Ferdinando II d’Aragona (Re di Napoli e Re di Sicilia), Alfonso I d’Este (Duca di Ferrara), Carlo III (Duca di Savoia) e Francesco II Gonzaga (Marchese di Mantova).

porta ognissanti o portello

porta ognissanti o portello

 

Nel preambolo del trattato, siglato segretamente a Cambrai (centro del Nord della Francia, ai confini col Belgio) con la scusa di trattative di pace tra l’Imperatore e il Duca di Gheldria, cui vennero ammessi anche gli ambasciatori di Spagna e Stato Pontificio, si legge che esso veniva stipulato

porta san Giovanni

porta san Giovanni


« (…) per far cessare le perdite, le ingiurie, le rapine, i danni che i Veneziani hanno arrecato non solo alla santa sede apostolica, ma al santo romano imperio, alla casa d’Austria, ai duchi di Milano, ai re di Napoli e a molti altri principi occupando e tirannicamente usurpando i loro beni, i loro possedimenti, le loro città e castella, come se cospirato avessero per il male di tutti (…). Laonde abbiamo trovato non solo utile ed onorevole, ma ancora necessario di chiamar tutti ad una giusta vendetta per ispegnere, come un incendio comune, la insaziabile cupidigia dei Veneziani e la loro sete di dominio. »

LA STORIA DELL’ARSENALE DI VENEZIA una grande fabbrica di navi che stupì il mondo.

Di Francesco Gasparini (alla memoria di un vero venexian)

Canaletto

Canaletto

L’Arsenal di Venezia era una gigantesca costruzione che ospitava nei periodi di maggior fervore, fino a 1600 operai. Secondo la tradizione venne fondato su due isole dette “Le Gemele” . Col passar dei secoli esso si ampliò sempre più fino a comprendere lo spazio tra il canale di San Piero, la Tana, San Martino e San Francesco della Vigna.  Tutto era racchiuso da possenti mura, col Leone di San Marco sulle torri. Continua a leggere