Religione

0

ONORE AI GALEOTTI E I REMATORI VOLONTARI DI LEPANTO!

Oggi voglio onorare le migliaia di rematori, molti dei quali erano “forzati al remo” (quindi condannati a quella attività nelle galee venete e italiane) ma anche i rematori della parte avversa, quasi tutti schiavi europei, che si rivoltarono sulle navi,...

2

L’ORGOGLIO DI LEPANTO, COME E PERCHE’ VINCEMMO

In un Veneto dove per anni è stato nascosto un vessillo preda di guerra della battaglia di Lepanto, nel museo del palazzo “Dogal” di Venezia, probabilmente per non offendere la sensibilità del mondo musulmano (pare che loro vivano il passato...

0

CERAMICHE VENETE E SIMBOLI PALEOVENETI. L’ALFA E L’OMEGA.

Antonella Todesco Non sembrerebbe vero che la trattazione di figure e segni misteriosi potesse avere un grande interesse per la storia dell’ antica ceramica; eppure è così. Il ceramista veneto continua nei secoli la tradizione di mescolare il sacro al...

0

IL DISCO SOLARE E LE PALEOVENETE

Fausto Levorin “Carega” ha segnalato questo intervento Osservando le diverse rappresentazioni femminili paleovenete ci si rende conto di quanto fosse variegata la moda dell’ epoca, indubbiamente legata al ceto sociale e religioso. Vi è un particolare oggetto posto sul capo...

0

QUEL “PHALLUS” UN POCO IMBARAZZANTE CHE COLLEGA VENEZIA AI VENETICI

Solo l’amica Antonella Todesco, signora veneziana di gran classe e cultura, poteva trattare un argomento così delicato ma anche curioso,  con grande maestria. Nessun studioso lo aveva evidenziato, ma … anche attraverso un “phallus” si ha un continuum storico lungo...

0

L’ITALIANISTA DI CA’ FOSCARI E PAOLO SARPI DI CUI SA BEN POCO

  Tempo fa,  un lettore “italianista” dopo aver letto in twitter la mia nota sulla posizione “protestante” di Venezia rispetto alla curia romana, mi ha irriso, chiamandomi “venetista ” forte forse della sua patente di ignorante (nel senso di uno...

0

IL BISANTE, LA MONETA CONIATA DA BRAGADIN

Nel corso dell’assedio, Marcantonio Bragadin avendo esaurito tutte le disponibilita’ finanziarie fece battere delle monete di rame:“ Secondo questa testimonianza del Riccoboni, storico contemporaneo all’assedio di Famagosta, vennero quindi battute monete “con lavoro incessante giorno e notte” e di due...

0

LA BEFANA ERA LA MOGLIE DI BELENO E SI CHIAMAVA BELTANE. I PANEVIN.

Riprendo un interessante articolo, da un sito “furlan” in cui si  accenna che tale tradizione è anche ben radicata nelle campagne venete. I Veneti avevano adottato anche loro, Beleno come Dio della Luce (tanto da trovarlo oggi rappresentato nel toponimo...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com