L’occupazione sabauda 1866-1914

0

El Paron come il Ponte Morandi a Genova

di Antonella Todesco. Il campanile di San Marco,”el Paron” per i veneziani, nasce come faro e torre di avvistamento. Rimaneggiato nel XII, nel XIV furono chiamati alcuni ingegneri olandesi e francesi per rinforzare la struttura. Venne seriamente danneggiato da un...

0

LA FORNACE DELLA VALLE COMPIE 100 ANNI, OGGI VE LA MOSTRO.

E’ STATA COSTRUITA NELL’ORMAI LONTANO 1921 e quindi mi pare giusto metterla sotto i riflettori, testimonianza della tenacia e della voglia di fare, malgrado tutto, dopo il terribile “anno della fame” dell’occupazione austro-ungarica, degli antenati dei dei miei concittadini. Sorta...

0

QUANDO A PARLARE DI OLIGARCHIA TIRANNICA DI VENEZIA E’ UN CINESE- ITALIANO

… Uno non sa se ridere o piangere. Ecco la mia risposta, a caldo: NON SO COME FACCIA UN CINESE ITALIANO A PARLARE DI “OLIGARCHIA TIRANNICA” A PROPOSITO DI VENEZIA QUANDO PER MILLE ANNI E’ STATA L’UNICO STATO REPUBBLICA IN...

0

SAN MARCO NON HA MAI FATTO GUERRA ALLA STORIA, ALTRI SI.. A VERONA RITORNA IL LEONE.

Di Luigi Tomaz. Il leone stilita che svetta sulla colonna di piazza delle Erbe a Verona, abbattuto dalla Municipalità nettamente minoritaria nel 1797, sotto il dominio dei Francesi, è stato ricostruito in anni che i veronesi hanno ormai dimenticato e...

0

FEDERICO BOZZINI E LA MENZOGNA DEI VENETI CON SGUARDO EBETE NEL 1867

VI TRASCRIVO (con qualche fatica, per problemi di vista) un memorabile articolo-premessa di Bozzini che smonta la teoria che vuole “i veneti deferenti, togliersi il cappello” all’arrivo dei piemontesi, “continuando a lavorare e a digiunare molto più di prima”, fino...

ALLA FACCIA DI MASSIMO D’AZEGLIO 0

ALLA FACCIA DI MASSIMO D’AZEGLIO

Geppetto Giulio Scorla Mastro MASSIMO d’AZEGLIO, nel 1861, disse: “Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani”. Come poteva sperare nell’esito positivo del suo enunciato se l’unione era mantenuta integra dai moschetti e dalle baionette dei carabinieri reali e da quelle dell’emerito...

0

LA PELLAGRA? GRAZIE ITALIA!

LETTERA DI EDOARDO RUBINI (controfirmata da me, ma il merito è suo ) AL GAZZETTINO, TRE ANNI FA,  dopo che un “professore” italiano, veneto PER MODO DI DIRE, evidentemente afflitto dalla sindrome di Stoccolma (che porta ad amare i propri...

0

1919: LA BUROCRAZIA BORBONICA ESCLUDE I VENETI

Dopo l’invasione rovinosa degli austroungarici, piombati come una nuvola devastante di cavallette affamate, lo stato italiano, nelle figure prima di Nava poi di Orlando,  si sostituisce ai primi, inviando un nugolo di funzionari ed impiegati col compito di seguire la...

SU UN MARE INFINITO DI OSSA, IL FASCISMO COSTRUISCE LA PATRIA (che non c’è) 0

SU UN MARE INFINITO DI OSSA, IL FASCISMO COSTRUISCE LA PATRIA (che non c’è)

Le ossa del titolo sono le decine di migliaia di caduti raccolti sui campi di battaglia della Grande Guerra, raccolte, almeno parzialmente, nei due grandi ossari di Redipuglia e del Grappa. Parzialmente, perché molte tonnellate erano state dirottate nelle fabbriche...