UNA DANZA TUTTA NOSTRA

 

Sempre dovuto al mio grande interesse di trovare storie padovane relazionate con la Spagna, ho scoperto una danza…pavana1

Una danza chiamata  Pavana (al modo di Padova)…..

pavana2Per molto tempo fu considerato un ballo spagnolo; il nome si pensava derivasse da pavo (tacchino) chissà per la forma di muoversi dei ballerini.

pavana3Studi recenti hanno potuto dimostrare che il ballo è originario del padovano ed è una variante  della bassadanza borgognona (la Pavana ebbe molto più successo) nel XV secolo, danza di Corte dove i ballerini si muovevano ritmicamente alzandosi ed abbassandosi, da qui il nome di bassadanza.

La sua diffusione fu nel XVI secolo ebbe molto esito al punto di durare quasi due secoli.

pavana4Questo nome alla danza viene messo per la prima volta in un Libro per Liuto di Joan Ambrosio Dalza che contiene cinque pavane alla venetiana e quattro alla ferrarese sotto il titolo di Padoane diuerse.

Michiael Praetorius fa anche lui una descrizione delle pavane come un metro binario e di andamento moderato.

pavana6Tutti sanno che Elisabetta I d’Inghilterra (per linea materna, discendente dei Visconti) era una appassionata della Pavana, soprattutto la variante chiamata Volta.

La pavana più famosa giunta a noi è di un autore anonimo che s’intitola Belle qui tiens ma vie. https://youtu.be/Ro1eMDYVc9A

La diffusione a livello europeo sicuramente fu grazie a Venezia; infatti le Pavane del Dalza furono stampate da Ottaviano Petrucci, un marchigiano stabilitosi a Venezia dove anche morì nel 1539.

igallir001p4

Una volta in più è bello vedere che la nostra Regione e le città che la compongono hanno saputo durante secoli mantenere primati alla moda che piacquero a tutta Europa durante molto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.