LEPANTO, LA PARTENZA: CENTO GALERE, “el rumor de 5000 remi in acua!”

Lepanto, rievocata da Paolo Rumiz, diventa pura poesia, fatta di luci ma anche di ombre… un piccolo brano tratto dal suo viaggio in barca nel 2004. Il passaggio della grande flotta a remi davanti a san Marco. Non è facile immaginare un simile spettacolo avendo in mente le navi di oggi…

E ora, con l’aurora che spunta, immaginiamo le galere che vanno; la partenza della flotta di Sebastiano Venier contro i Turchi in quel fine estate del 1571. Nella realtà le navi non salparono tutte insieme, radunare la flotta fu operazione lunga, diluita da Venezia fino a Corfù. Ma proviamo a immaginare il passaggio di una grande flotta a remi davanti a San Marco. Non è facile “vedere” un simile spettacolo avendo in mente le navi di oggi. Cento galere, cento navi affusolate, lunghe dai quaranta ai cinquanta metri, quindicimila rematori. Impossibile. Non c’ è libro specialistico, non c’ è manuale di storia che sveli l’anima di un evento così grandioso.

galea sottile veneta

Solo chi naviga davvero, chi conosce i segreti dei legni, può capire. Un disegnatore di barche a vela. Come il vecchio Carlo Sciarrelli, triestino, lupo di bordo, grande raccontatore e grande divoratore di biblioteche di mare. Lo risento, una sera nel suo giardino, davanti a un tavolo pieno di carte antiche, mimare a gran gesti la vogata dei rematori e narrare, in dialetto, quello straordinario preludio della battaglia. “Pensa al rumor de cinquemila remi che entra in acqua, pensa ale schene, al respiro de quindesemila gaeotti che voga in pie. Trentamila brazzi, trentamila polmoni. 

Iera quasi tuti s’ ciavoni, i più forti e i più grandi de tuti. E po’ le vele che se alza, i musicanti a puppa cole trombe, i tamburi, i nobili cole armadure, i soldai cole piume, le bandiere al vento, e tuta Venezia che varda. “Ti viene la pelle d’ oca. L’umanità non ha mai prodotto un’immagine più straordinaria della grandiosità”. Per fare Lepanto devi moltiplicare per quattro questa già inimmaginabile grandiosità. Pensare a ventimila remi, una foresta vergine di legni che spazzano le schiume.

Andrea Vicentino, la battaglia di Lepanto

Veneziani con genovesi, papalini, maltesi, napoletani. Navi perfette, il top del remo in simbiosi con la vela, una storia di duemila anni che parte dalla trireme greca e dalla “Navis Longa” di Roma. “Lepanto, apoteosi e fine di una leggenda che comincia a Salamina”.

***

Da un articolo di Repubblica del 2004

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: