ALVISE ZORZI E I “SERENISSIMI”, LE RAGIONI DEI VENETI

Una risposta

  1. Adriano ha detto:

    Nulla da eccepire sulla corretta ed onesta ricostruzione dell’episodio. Un po’ troppo benevolo nel sorvolare il contesto storico in cui tutto questo accadeva. Cito solo un episodio: la infiltrazione nelle reti televisive nazionali propugnando rivoluzioni non meglio chiarite. Concordo in pieno contro la sciatteria riservata ai Veneti le rare volte che se ne parla… Un atto di rozza ignoranza che finge di dimenticare quanto il Veneto abbia contribuito alla cultura e all’unità della nostra Italia.

Rispondi a Adriano Annulla risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: