L’EX DOGE MANIN, CON LA VECCHIA ARISTOCRAZIA CHE SI RITIRA DALL’IMPEGNO PUBBLICO

Una risposta

  1. Marco D'Aviano ha detto:

    Grazie a Milo per questo post su un episodio che ignoravo, dato che l’800 per me e’ la piu’ ingrata di tutte le epoche da affrontare.
    Per legittimare la loro occupazione delle Venezie dal 1798, gli Austriaci costrinsero i nobiluomini veneziani al giuramento di fedeltà.
    La cosa incredibile è che costrinsero il vecchio Doge ad una simile umiliazione.
    Niente rispetto neanche per l’età di quest’uomo con il cuore a pezzi, ridotto all’ombra di se stesso.
    Come si comportava un vero nobile, allora?
    Niente proteste, niente incidenti, niente sotterfugi.
    Il vecchio Doge si reca all’appuntamento e fa il dovere che gli viene richiesto.
    Una lezione di nobiltà a chi ne aveva smarrito il senso, anche se deteneva, illegalmente, il potere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: