LA LEGGENDA DI RIALTO

di Simonetta Dondi dall'Orologio

rialtoContinuiamo raccontando un’altra leggenda, questa volta si tratta del Ponte più grande del Canal Grande.

Chissà non tutti sanno che parte delle pietre impiegate per la sua costruzione provengono dello Zairo (Arena) di Padova; questo succede perché nell’XI secolo il vescovo paga dei debiti con Venezia cedendo le pietre del sopracitato monumento padovano: era normale nel Medioevo riutilizzare le pietre!rialto1La costruzione di un ponte così grande ha dato molte “tribolazioni”, visto che molti erano convinti che non poteva sopportare, peso, curvatura ed una pressione negli estremi dello stesso. Quindi fu un iter piuttosto lungo e travagliato.

Il primissimo ponte di Rialto risale al 1264 ed era in legno. Solo nel 1507 s’insinuò l’ipotesi di costruirne uno in pietra, idea che si ufficializzò nel 1525.

rialto2Fu Michelangelo nel 1529 a proporre il primo progetto. L’approvazione non fu mai data e nel 1551 ancora si discuteva su qualche progetto scegliere.

I favoriti erano Palladio, Scamozzi, Sansovino e Giacomo Barozzi Vignole ma fu Antonio da Ponte (un nome, un destino) a essere scelto e ad aggiudicarsi l’opera nel 1588.

La costruzione terminò nel 1591. Tanto per cambiare, anche il diavolo ha preso parte alla storia del ponte!

rialto4Si narra infatti che, durante la costruzione del ponte, il diavolo si presentò all’architetto e pretese che gli venisse offerta l’anima della prima anima che avrebbe attraversato il ponte, altrimenti non avrebbe permesso la costruzione.

L’architetto allora s’ingegnò un piano per ingannare il diavolo, pensando di far attraversare per primo il ponte a un gallo.

Ma il diavolo venne a sapere del piano di Antonio, e decise di ingannarlo a sua volta: si presentò a casa sua, da sua moglie incinta, e le disse di correre veloce al ponte che suo marito la stava aspettando.

rialto5La leggenda narra che l’anima del bambino morto vagò a lungo sul ponte prima di andarsene, aiutato da un gondoliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.