LA LEGITTIMITA’ DELLE CROCIATE, UN ATTO DI DIFESA.

12 Risposte

  1. Salvatore Calabrese ha detto:

    Premetto che sono un CRISTIANO CONVINTO E CREDENTE e non un fanatico musulmano, però sono certo che tutte le guerre religiose avvengono quando le fedi religiose si vestono anche con gli abiti politici ed utilizzano il loro fanatismo religioso per allargare i loro possedimenti ed i loro territori. Questo è accaduto e sta accadendo con gli islamici e, purtroppo, questo è accaduto anche con i Cristiani che accusavano di eresia, e quindi condannavano al rogo, chi si opponeva alle loro angherie.

    • Millo Bozzolan ha detto:

      All’islam manca l’evoluzione propria al cristianesimo, che partì dal paganesimo, ricordiamolo sempre. Per capire il messaggio di pace dei Vangeli ci son voluti tanti secoli, mentre il Corano, non può essere interpretato.

  2. Lisa ha detto:

    Questo post non ha un minimo di validità storica e non segue un filo logico. Perchè mai i cristiani avrebbero diritto a rientrare in possesso dei luoghi santi in Palestina, quando cristiani, tranne che per circa 200 anni, non lo sono mai stati? Gli arabi vivevano in questi luoghi ben prima che nascesse l’islam e il cristianesimo! ma solo perchè in quei luoghi è nato un profeta allora devono diventare di proprietà cristiana? è questa la legittimità a cui fate riferimento? Per di più è storicamente appurato che i pellegrini potevano liberamente visitare i luoghi di culto nella terra Santa, senza problemi. Continuate a porre la questione come uno scontro di civiltà, ma non è così. La storia serve per capire, non per essere strumentalizzata! Vergogna!

    • Millo Bozzolan ha detto:

      cara Lisa, lei sembra dimenticare, ad esempio, che Sant’Agostino era un africano di Ippona, studiò a Cartagine che era cristiana. come tutta la costa africana fino a che non fu invasa dagli arabi. Che i Mori invasero territori europei con lo scopo precipuo di cancellarci o perlomeno, di sottometterci, perché questa era la missione che aveva loro affidato il Profeta. E’ inutile che lei neghi l’evidenza, magari papa Francesco le darà ragione, il lavaggio del cervello della masse non ha escluso purtroppo le istituzioni che dovrebbero guidarle. Il “political correct” ci sta uccidendo, la tattica dello struzzo è un suicidio

      • cal ha detto:

        I cristianesimo iniziò, per forza dopo l’anno 0. Prima dell’anno 0 di chi era il diritto di proprietà delle zone? Sempre dei cristiani?!
        Ma andiamo a ritroso: “invaso manu militari gran parte delle terre di quello che era l’Impero Romano d’Occidente, premendo su quello d’oriente”; perfetto, ma prima dell’impero romano chi c’era? Non mi risulta che in palestina ci fossero popolazioni italiche, né quantomeno latine…

        Alla fine, a quanto pare, quando si vuole trovare una giustificazione, basta fermare il revisionismo storico alla data utile…

        • Millo Bozzolan ha detto:

          ma di cosa sta parlando? non la seguo. C’è evidentissim una politica espansionistica di conquista dei mussulmani contro il mondo cristiano. Popolazioni del nord Africa che erano totalmente cristiane, e che non lo sono più. Questa polita è, fu, una costante nei secoli fino a che riuscimmo a fermarli, prima a Lepanto, poi a Vienna. Bragadin e Marcco D’Aviano dovrebbero essere i nostri eroi, e invece per persone che ragionano come lei (mi scusi, voglio parlar chiaro) il vessillo strappato in battaglia al turco ed esposto a Palazzo Ducale a Venezia, oggi è occultato.. per non offendere gli islamici in visita.

      • cal ha detto:

        Va bene, provo a farmi seguire meglio allora:

        “C’è evidentissim una politica espansionistica di conquista dei mussulmani contro il mondo cristiano”.

        Ma prima che quei mondi diventassero cristiani cosa c’era?
        Io adoro la storia d’Italia e del nostro paese, ma non mi racconto balle:
        quando siamo andati là ad instaurare l’impero romano (citato nel precedente articolo) non ci siamo presi quelle terre solo con fiori e opere di bene.

        Allora mi chiedo: perché nei vostri ragionamenti vi fermate sempre dove vi fa comodo, cioè quando le stesse opere di guerra e conquista le fanno gli altri?

  3. dianabacchiaz ha detto:

    IN ITALIANO SI SCRIVE LA LEGITTIMITA’ ETC.. ABBIATE LA CORTESIA DI SCRIVERE CORRETTAMENTE..

  4. Giovanni Tenorio ha detto:

    Mi sembra un articolo strumentale a un certo tipo di statalismo etico.

    http://libertino.is/?p=682

  5. Taddeo ha detto:

    IO DICO CHE UCCIDERE NON E’ GIUSTO DA AMBO LE PARTI…LA VITA UMANA E’ SACRA IN TUTTI I SENSI.LA STORIA CERTAMENTE CHIARIFICA IL TUTTO…MA SE TUTTI NOI OCCIDENTALI CE NE STESSIMO A CASA NOSTRA SAREBBE PACIFICO E NORMALE..SE UNO ROMPE LE UOVA NEL PANIERE DI UN ALTRO ECCO CHE C’E’ UNA REAZIONE CHE NON FINIRA’ SE NON SI USA LA RAGIONE,LA DIPLOMAZIA ED INNANZI TUTTO IL RISPETTO RECIPROCO.CERTAMENTE GLI STORICI AVRANNO SCRITTO LA VERITA’ E NON SI PUO’ NASCONDERE.SE OGNUNO STESSE A CASA PROPRIA (E PARLO DI CRISTIANI E DI MUSULMANI) SI VIVREBBE IN PACE E MAGARI INIZIARE DEGLI SCAMBI COMMERCIALI PER L’INTERESSE DI TUTTEDDUE LE COMUNITA O RAZZE CHIAMATELE COME VOLETE.MA E’ VERO UNA COSA CHE L’UOMO PER NATURA NON E’ MAI CONTENTO DI QUELLO CHE HA E NE VORREBBE DI PIU’.IL DIAVOLO SA’ OPERARE BENE CONTRO L’UMANITA’ MA DOBBIAMO ESSERE NOI TUTTI (CRISTIANI E MUSULMANI) USARE CON I FATTI ….

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: