PADOVA, le possenti mura cinquecentesche erette da Venezia dopo la guerra di Cambrai.

le mura di Padova costruitenuovamente dopo la guerra di Cambrai che aveva visto gli imperiali conquistare la città.

le mura di Padova costruitenuovamente dopo la guerra di Cambrai che aveva visto gli imperiali conquistare la città.

Gavevimo tuti contro, i stati taliani più Massimiliano d’Austria che ne ga invaso. e el ga assedià Padova. xe sta el momento più dificile par el stato veneto. el papa li gaveva sustegà contro Venessia, par via che ghe insidiavimo i so teritori.

La Lega di Cambrai fu una lega contro la Repubblica di Venezia formata il 10 dicembre 1508 sotto la guida di Papa Giulio II e scioltasi nel 1510 per la defezione dello stesso pontefice.
L’alleanza
Ad essa aderirono, oltre al pontefice, Luigi XII di Francia, Massimiliano I del Sacro Romano Impero, Ferdinando II d’Aragona (Re di Napoli e Re di Sicilia), Alfonso I d’Este (Duca di Ferrara), Carlo III (Duca di Savoia) e Francesco II Gonzaga (Marchese di Mantova).

porta ognissanti o portello

porta ognissanti o portello

 

Nel preambolo del trattato, siglato segretamente a Cambrai (centro del Nord della Francia, ai confini col Belgio) con la scusa di trattative di pace tra l’Imperatore e il Duca di Gheldria, cui vennero ammessi anche gli ambasciatori di Spagna e Stato Pontificio, si legge che esso veniva stipulato

porta san Giovanni

porta san Giovanni


« (…) per far cessare le perdite, le ingiurie, le rapine, i danni che i Veneziani hanno arrecato non solo alla santa sede apostolica, ma al santo romano imperio, alla casa d’Austria, ai duchi di Milano, ai re di Napoli e a molti altri principi occupando e tirannicamente usurpando i loro beni, i loro possedimenti, le loro città e castella, come se cospirato avessero per il male di tutti (…). Laonde abbiamo trovato non solo utile ed onorevole, ma ancora necessario di chiamar tutti ad una giusta vendetta per ispegnere, come un incendio comune, la insaziabile cupidigia dei Veneziani e la loro sete di dominio. »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *