VENEZIA E L’IMMIGRATO, CITTA’ APERTA A TUTTI ?UNA STORIA MANIPOLATA. IL FONDACO DEI TURCHI.

644Un certo mondo progressista moderno, la cui visione è debitrice in maniera evidente dal mondo illuminista e massone che concorse alla distruzione dello stato veneto, non pago dei disastri dei suoi precursori, di fronte all’indubbio retaggio di civiltà veneta, ormai universalmente riconosciuto, cerca di manipolarlo in modo da far apparire le loro idee come le vere continuatrici di questa eredità spirituale. Venezia, nella loro narrazione, è quindi il rifugio di tutti, dove ogni religione, etnia e credo veniva accolta senza riserve. Se qualche veneto si lamenta per il degrado e la minaccia di una immigrazione incontrollata, eccoli sproloquiare sulla Venezia multietnica, se qualcuno si lagna per le moschee e la minaccia islamica , tirano in ballo i secoli di buoni rapporti col turco e il relativo fondaco nella capitale. Si tratta in realtà di manipolazione della peggior specie, volta a farci digerire una accoglienza senza limiti e distinguo.

il trafugamento del corpo di San Marco ad Alessandria. Basilica.

il trafugamento del corpo di San Marco ad Alessandria. Basilica.

Basterebbe prendere in mano (ve lo consiglio, li trovate nelle biblioteche pubbliche di ogni cittadina veneta) la raccolta di saggi a cura di Gaetano Cozzi intitolata “Stato, società e giustizia nella Repubblica veneta (sec. XV-XVIII)”, e scoprirete come i nostri Padri fossero severi in tema di immigrazione e vagabondaggio.

Prima di tutto vigeva il principio che ogni territorio dovesse gestire in casa propria il problema della povertà, per cui se un vagabondo senza dimora era sorpreso in capitale, veniva rispedito al territorio d’origine, dove senz’altro vi erano, come a Venezia, opere caritatevoli ed istituti nati per la bisogna. Poi, se un “foresto” sbarcava da una nave, anche se suddito veneto, era tenuto a presentarsi entro poco tempo, ad un apposito ufficio, dove si controllava il motivo della sua presenza, se avesse mezzi di sostentamento, e dove avesse preso dimora e si rilasciava una “bolletta” (un permesso di soggiorno temporaneo).

Chi ospitava uno di questi stranieri, era tenuto a presentare denuncia sempre in quegli uffici, entro breve, pena severe sanzioni pecuniarie. Erano anche previsti premi ai sudditi che denunciassero immigrati irregolari (pensa che roba…)
Per i “cingani” (zingari, PARDON…ROM) la legislazione era anche più severa, fino a vietare, in certi momenti la sosta e l’ingresso dei medesimi nel territorio. Dipinti come soggetti abituati a delinquere, erano considerati una vera e propria calamità da cui guardarsi.

IND132961 The naval battle of Lepanto between the Holy League and the Turks in 1571 (oil on canvas) (detail) by Brugada, Antonio de (d.1863); Museu Maritim Atarazanas, Barcelona, Catalunya, Spain; Index; Spanish, out of copyright

Riguardo alla tolleranza religiosa, fu un fatto concreto, si stampavano libri in ebraico e di altre confessioni, ma nello stesso momento, era impensabile che i governanti veneti concedessero ai mussulmani la possibilità di erigere moschee, anche se un luogo di preghiera era presente all’interno del fontego del Turco) mentre era concesso agli Ebrei, ma solo all’interno dei ghetti, avere la propria sinagoga.

Un cristiano veneto non poteva sposare mussulmani ed ebrei , né conviverci assieme (anche se succedeva, a volte), e si considerava come una ovvietà che il rispetto iniziava dal fatto che ognuno doveva riconoscere la diversità dell’altro. E questo vale anche oggi, in cui una forte immigrazione mette a rischio la convivenza civile in Europa, volendo queste persone imporre agli ospitanti la propria visione del mondo: è un punto su cui bisogna insistere.

L’ALFA E L’OMEGA DELLA STORIA DEI VENETI in due bellissimi bassorilievi. Il guerriero l’ho ripreso da una piastra di un corredo funebre a Vace in Slovenia, il Leone è un modello del Settecento. Materiale marmorina consistenza ceramica, trattato per l’esposizione esterna. Il Leone misura cm 40 per 23. Spedisco ovunque al costo di nove euro, o potete ritirarlo di persona. Costo di entrambi E. 39. singolo Leone E. 25. Sponsorizza così il mio blog, che non accoglie pubblicità.

KODAK Digital Still Camera

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Zo ha detto:

    E un’altra cosa molto importante: non era mai permesso agli stranieri entrare in governo della Serenissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: